“IL SIGNORE CI DONI LA SUA PACE”

San Francesco ci ha lasciato in eredità l’amore per il Cristo povero, per la croce e per la Chiesa…

AUGURIAMO a tutti quelli che cercano di vivere la sequela di Cristo alla maniera di Francesco d’Assisi di poter aprire la mente alla sua Parola,  il proprio cuore al suo volere,  le proprie mani al suo amore  che si dona e ci chiede di donarci.

Così facendo la famiglia, il lavoro, la fraternità, il monastero, la via stessa – polverosa e rumorosa, come le strade della Palestina – diventano luoghi privilegiati dove Dio può abitare con gli uomini. Questo è seguire Gesù.

Il Signore ci doni la sua pace”.

Dagli scritti di San Francesco (FF 61 e 200)

E sempre costruiamo in noi una casa e una dimora permanente a lui, che è Signore Onnipotente, Padre Figlio e Spirito Santo.

E tutti quelli e quelle che si diporteranno in questo modo, fino a quando faranno tali cose e persevereranno in esse sino alla fine, riposerà su di essi lo Spirito del Signore, ed egli ne farà sua abitazione e dimora.

E saranno figli del Padre celeste, di cui fanno le opere,e sono sposi, fratelli e madri del Signore nostro Gesù Cristo. Siamo sposi, quando l’anima fedele si congiunge a Gesù Cristo per l’azione dello Spirito Santo. E siamo fratelli, quando facciamo la volontà del Padre suo, che è in cielo. Siamo madri , quando lo portiamo nel nostro cuore e nel nostro corpo attraverso l’amore e la pura e sincera coscienza, e lo generiamo attraverso il santo operare, che deve risplendere in esempio per gli altri.