VIVERE RELAZIONI FRATERNE…
16/08/2023
CASA COMUNE…
18/08/2023

“Quante volte dovrò perdonargli?”
(Mt 18)
Il problema è sempre davvero “quante volte” o non, forse a volte, “se” voglio perdonare?
E quel “se” dipende dalla comprensione che ho del perdono…e se so distinguerlo dalla riconciliazione…
Il perdono è, in un certo senso, una scelta dovuta non solo all’altro ma anche a me stesso: è riuscire a dare nome a quel “debito” che l’altro ha nei miei confronti, riuscire a “com-prenderlo” come un qualcosa che – volente o nolente – fa parte ormai della mia vita, riuscire a credere che può diventare un’opportunità di crescita e che Dio potrà trasformarla in una “meraviglia”…
Il perdono ci strappa da quel ripiegamento eterno sui fatti accaduti e sulla persona che li ha causati e impedisce così a loro di continuare a farmi del male..il perdono ci fa guardare avanti, mano nella mano con Dio, per ricominciare a vivere… sì a vivere: perché quando non perdoniamo continuiamo a stare male e a morire un po’ per giorno!
Non sempre invece è possibile riconciliarsi con le persone che ci hanno fatto del male perché la riconciliazione richiede una ripresa della relazione …e questo non sempre è consigliabile, perché riprendere una relazione richiede da ambo le parti una crescita, una maturazione che non sempre accade!
Perdonare, sì, è sempre possibile perché è una scelta di libertà che sgorga dal cuore aggrappato all’Amore di Dio: aggrappati a Dio, come bambini al sicuro tra le braccia del papà, non continuiamo a piangere per il male ricevuto o perché l’altro è “cattivo” ma ci immergiamo nella certezza di avere Qualcuno che ci ama di amore unico, capace di rimetterci in piedi e di farci riprendere il cammino con una Forza in più!
Shalom!

Sorella Serena Nicoletta Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *