“LA SOGLIA DEL RISPETTO FONDAMENTALE DELLA VITA UMANA È VIOLATA OGGI IN MODI BRUTALI”
Luglio 14, 2019
«NOI CLAUSTRALI, SORELLE D’ITALIA E DEI MIGRANTI»
Luglio 21, 2019

L’ALTRA FACCIA DELLA LUNA (Irene Fornaciari)

Stavo

Per non farmi mangiare da un altro ricordo

Bravo

Ti saresti sentito orgoglioso di me

Stavo

Per ridare un aspetto decente alla stanza

Cado

Sulla prima sembianza di felicità

Di che colore sono gli occhi di Dio

Quand’è che il bene Suo coincide col mio

Come si torna indietro

Se non si torna indietro

Solo l’altra faccia della luna lo sa

Quanto vale quello che ci manca

Quanti baci stanno in un minuto

Quando impareremo a domandare aiuto

O a riceverlo se mai

Stavo

Per sentirmi un campione di rabbia e dolore

Trovo

Un bambino che piange un po’ meglio di me

Stavo

Per non chiedere altro che neve

Stavo

Poi le chiedo di mettere bianco su me

Di che colore sono gli occhi di Dio

Quand’è che il bene Suo coincide col mio

Come si torna a casa

Se non è più una casa

Solo l’altra faccia della luna lo sa

Quanto vale quello che ci manca

Quanti baci stanno in un minuto

Quando impareremo a domandare aiuto

O a riceverlo se mai

Quanto vale un attimo di sole

Cosa fa di un gesto un vero amore

Quando impareremo a domandare aiuto

O a ridarlo caso mai

Quando impareremo a domandare aiuto

O a ridarlo caso mai

Stavo

Consumando nel freddo la voce e il vapore

Stavo

Ma dal cielo è caduto qualcosa di più

Stavo

Per non credere a niente nemmeno al perdono

Stavo..