«I poveri li avete sempre con voi» (Mc 14,7)
09/11/2021
IL DOMANI NON È MIO
23/11/2021

SIGNORA SANTA POVERTA’

Domenica 14 novembre si è svolta la GIORNATA MONDIALE DEI POVERI.

Papa Francesco si è recato a Santa Maria della Porziuncola per celebrare questa quinta edizione della Giornata.

La scelta di questo luogo santo ci riconduce a San Francesco di Assisi che ha vissuto sommamente la povertà. Per san Francesco ogni amore al povero, nasceva dall’amore alla povertà crocifissa del Figlio di Dio.

«Desidero poco e quel poco che desidero lo desidero poco» diceva San Francesco.

Un concetto che risuona nella società contemporanea, come una salutare provocazione. Viviamo infatti in una società dove constatiamo desideri esagerati e la mancanza di qualsiasi limite nel consumare le cose e nell’usare le persone.

In san Francesco il non voler possedere nulla, non ha solo un significato di sobrietà, ma di una logica che ribalta l’avidità che governa il nostro mondo.

Per san Francesco non sono i “like” che contano, il denaro, il potere, ma la nuda verità di ciò che siamo davanti a Dio e niente più. In questo senso questo santo “piccolo” e “gigante” nel medesiomo tempo, è il povero che ha arricchito il mondo riconducendolo all’essenziale della vita, e ci invita a riflettere ed interrogarci…

Proponiamo cinque video proposti da fr Francesco Piloni, Ministro provinciale dei Frati Minori dell’Umbria e Sardegna, in preparazione alla V Giornata Mondiale dei Poveri che ha visto la presenza di Papa Francesco e 500 poveri provenienti da tutta Europa, e che possono aiutarci ad approfondire la preziosità e l’attualità di questa spiritualità…

(I video sono tratti tratto dal sito ufficiale dei Frati Minori della Porziuncola)

SIGNORA SANTA POVERTÀ – 1:

Francescanesimo e povertà

SIGNORA SANTA POVERTÀ – 2:

L’incontro inaspettato: Francesco e il lebbroso

SIGNORA SANTA POVERTÀ 3:

La pasqua dei gusti

SIGNORA SANTA POVERTÀ 4:

Quando il lebbroso diventa difficile

SIGNORA SANTA POVERTÀ – 5:

La beatitudine del povero Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *